REDISTRIBUZIONE DEL REDDITO

La redistribuzione del reddito consiste nel “ripartire” la ricchezza prodotta tra i soggetti che hanno contribuito a crearla…

A nostro avviso in Tim tale redistribuzione non c’è, tant’è che mentre aumenta l’utile (+38%) ed aumentano i risparmi per l’azienda (chiusure sedi, solidarietà, ecc.), ai lavoratori non arriva quasi nulla!!!

Proprio per questo l’attività dello SNATER sarà particolarmente ORIENTATA AL RAGGIUNGIMENTO DI QUESTO OBIETTIVO.

RIVENDICHIAMO

1) RISTORO una tantum (1.500 euro) per i tecnici, che da inizio pandemia lavorano in mezzo alla gente per garantire la continuità del servizio…magari facendo i salti mortali…come si può vedere in una recente pubblicità (p.s.: i tecnici i salti mortali li fanno tutti i giorni anche per trovare una sede decorosa ed igienizzata dove consumare i pasti)!!!

2) RIPRISTINO DEL MANCATO RIENTRO.

3) RISTORO una tantum (1.500 euro) per tutti coloro che lavorano da casa e che hanno visto non “erogati” 6 mesi di buoni pasto e la MANCATA PARTECIPAZIONE DELL’AZIENDA ALLE SPESE PER I CONSUMI SOSTENUTI dai lavoratori (es. consumi energetici).

4) RIAPERTURA dell’accordo aziendale per quanto riguarda i passaggi da 4° a 5° livello e da 5° a 6° livello (troppo scarsi gli aumenti di livello concordati).

5) RIAPERTURA dell’accordo aziendale per quanto riguarda i passaggi da part-time a full-time (troppo scarsi i passaggi previsti dall’accordo stesso).

Con l’appoggio ed il sostegno dei lavoratori confidiamo di riuscire ad aprire una breccia nelle chiusure sin qui dimostrate dall’azienda, magari già nella prossima riunione di coordinamento nazionale Rsu, dove riproporremo questi temi.

Se l’azienda si dimostrerà insensibile alle nostre richieste…porteremo le nostre istanze in altre sedi…noi andiamo avanti!!!STATE CON SNATER…SE NON ORA QUANDO?

Scarica il Comunicato: 2021-01-18-Redistribuzione-del-reddito.pdf